Cecatielli – la pasta fresca del Sannio

Quasi ogni famiglia del Sannio ha una persona esperta in pasta fresca. I cecatielli sono la forma di pasta fresca più diffusa nella provincia di Benevento e nel territorio sannita, ma esistono diverse varianti della forma tradizionale a cecatiello.

Realizzare i cecatielli è molto semplice, segui la ricetta qui sotto.

Cecatielli benevetani
Cecatielli a tre dita

Ingredienti e metodo per i cecatielli a due e tre dita:

  1. Per preparare i cecatielli è necessario iniziare con la disposizione della farina nella tipica fontana su un ampio piano di lavoro – meglio se una tavola di legno.
  2. Versare l’acqua poco alla volta iniziando dal centro della fontana.
  3. Incorporare acqua e farina iniziando lentamente dal centro della fontana.
  4. Quando acqua e farina saranno incorporate, iniziare ad impastare il composto in maniera più energica.
  5. Una volta che il panetto di pasta sia diventato uniforme e liscio, posizionarlo su un lato del piano di lavoro e lasciarlo riposare dai
    20 ai 40 minuti ricoprendolo con un canovaccio.
  6. Cospargere il piano di lavoro con una presa di farina o di semola fine, e posizionarci sopra il panetto.
  7. Dividere il panetto in diversi pezzi.
  8. Con le mani, far rotolare i vari pezzi di pasta fresca sul piano di lavoro in modo da formare diversi bastoncini spessi circa mezzo centimetro.
  9. Tagliare i bastoncini di pasta in pezzi più piccoli, lunghi dai 2 ai 4 cm a seconda del tipo di cecatielli che si intende creare.
  10. Con indice ed anulare, cavare ogni pezzetto di pasta tirandolo verso di voi, esercitando una pressione stabile ma non eccessiva.
  11. Usare due dita per cecatielli più piccoli, da abbinare a legumi e sughi di verdure. Usarne, invece, tre per forme di pasta da condire con salse a base di pomodoro o altre salsa cremose.
  12. Spesso, i cecatielli creati si lasciano riposare per una o due ore di modo che perdano l’umidità interna e possano risultare più fragranti e duri durante la cottura. Se si preferisce una consistenza più morbida, cuocere la pasta immediatamente dopo la sua realizzazione.



Rispondi